PICCOLO TEST PER ASPIRANTI ARCHITETTI

Ogni anno, verso la seconda settimana di Settembre, il telegiornale manda in onda un filmato, sempre lo stesso. Si tratta di un rituale oramai diventato tradizione in questa povera Italia del XXI secolo: sono le centinaia di studenti in attesa di affrontare l’esame di ammissione alle facoltà a numero chiuso. Tra le quali, come è notorio, c’è architettura. Ci sono questi ragazzi con lo zainetto, i capelli lunghi, quest’anno andavano molto le cuffie gigantesche, l’iphone e le superga ai piedi, che fanno una specie di fila in una specie di cortile davanti ad un fabbricato, di solito antico. E intanto la voce fuori campo racconta a che ora comincia la prova, quanti sono i candidati, quanti i posti e quante ore avranno a disposizione. Quindi c’è sempre un cenno alle polemiche, ai quiz inesatti e al calendario dei prossimi esami. Nella variante del tg4 ci sono anche i consigli del medico (per le ore di sonno da dormire), dello psicologo (per le eventuali pasticche da assumere), del sociologo (per gli aspetti comportamentali) e dell’avvocato (per il successivo ricorso al TAR in caso di eliminazione).

Cosa spinge tanti giovani a sottoporsi a questa tortura psicologica e pratica dell’esame di ammissione per poter accedere alla facoltà di architettura, è un mistero. Indubbiamente in presenza di motivazione e grande talento, questo va assecondato, ma non basta; oggi, infatti, consiglierei l’iscrizione ad architettura solo a ventenni dotati anche di altre caratteristiche. A tutti gli altri direi di pensarci bene e di valutare l’ipotesi di lasciar perdere.

Ecco un piccolo test per scoprire se un giovane è  davvero portato per fare l’architetto.

foto quesito 1

 1)      Questo che vedi in foto è:

a)         Un parcheggio multipiano

b)        Un ponteggio di cantiere

c)         Il George Pompidou Centre

2)   Se vai a Praga… (per uomini)

a)    Mi sfondo di birra al pub

b)    Le case chiuse sono legali.

c)    A sole 2 ore di autobus c’è la cittadina di Brno dove Mies Van Der Rohe realizzò villa Tughendhat

2)bis  Se vai a Praga… (per donne)

a)  Ci sono dei negozietti dove vendono delle cose carinissime

b)    Nella piazza del Municipio voglio vedere lo spettacolo dell’orologio astronomico.

c)    A sole 2 ore di autobus c’è la cittadina di Brno dove Mies Van Der Rohe realizzò villa Tughendhat

3)      Il nome “Aldo Rossi” ti ricorda

a)       Un centravanti della nazionale di calcio

b)       Un premio Pritzker

c)        La so ! Quello simpatico che presenta “Cuochi e fiamme” su LA7d

4)      In bagno leggi: (per uomini)

a)       La Gazzetta dello Sport o il Quattroruote

b)Non leggo, rifletto, al massimo ripasso le etichette dei detersivi

c)       Il supplemento DCASA di Repubblica

4)bis – In bagno leggi (per donne)

a)         Il Marieclaire

b)        Donna moderna ma non disdegno le riviste di gossip come “Chi” o “Novella 2000”

c)         Il supplemento DCASA di Repubblica

5)      Tra i cinque nuovi senatori a vita nominati da Napolitano c’è:

a)       Renzo Piano

b)      Giulio Andreotti

c)       Silvio Berlusconi

6)      Alle medie la tua materia preferita era:

a)       Mi divertivo moltissimo nelle ore di Educazione tecnica

b)      Non me lo ricordo più, è passato troppo tempo

c)       Religione, perché l’insegnante non veniva mai

7)      Il tuo miglior amico fa:

a)       L’avvocato

b)      E’ disoccupato

c)       Il barista

8)      A 30 anni sarai:

a)       Ricco, non ho alcun dubbio.

b)      Sistemato: sposato, due bambini, casa di proprietà, un cane e una monovolume

c)       Precario, ancora a casa con i miei, spesso ceno alle inaugurazioni dei locali.

9)      Il “cetriolo” di Norman Foster è:

a)       Un grattacielo di Londra

b)      Un piatto regionale abruzzese

c)       Una fregatura al mercato ortofrutticolo

10)  Tuo padre è:

a)       Impiegato alle poste

b)      Si è buttato in politica

c)       Ha uno studio di architettura avviato con sei geometri schiavizzati

Calcola il tuo punteggio:

1 – A3;B3;C10

2 – A5;B3;C10

2BIS – A3;B5;C10

3 – A5;B10;C3

4 – A5;B3;C10

4BIS – A5;B3;C10

5 – A10;B5;C3

6 – A10;B5;C3

7 – A10;B8;C5

8 – A0;B5;C10

9 – A10;B3;C5

10 – A3;B8;C10

Se hai totalizzato:

da 35 a 49 punti: Sei indubbiamente dotato di grande immaginazione, ottimismo e/o incoscienza per pensare di affrontare prima gli studi e poi il lavoro di architetto nelle tue condizioni, perché le tue chance di farcela sono quasi pari a zero. Oppure, semplicemente, volevi fare l’esame di veterinaria ma hai sbagliato data e luogo.

da 50 a 79 punti: Probabilmente hai visto qualcosa in televisione che ti ha condizionato, oppure un film al cinema. Credi ancora nella leggenda dell’architetto fighetto con le polacchine scamosciate (o figa in stivale tacco 12) che non esiste più. Puoi ancora aprire gli occhi, passare l’esame, magari fare anche qualche esame generico e poi trasferirti a “Scienze politiche”.

da 80 a 99 punti: Hai alcune condizioni al contorno che favoriscono una tua possibile futura occupazione da architetto, tuttavia questo non deve illuderti di farcela. Ho visto gente partire fortissimo, prendere anche “30” a statica e poi finire a fare il portalettere part-time a Buscate (MI).

100 punti: Indipendentemente dal talento che possiedi, sei pronto per la facoltà di architettura. E probabilmente anche per diventare un architetto con discreto successo nel mondo del lavoro. Anche se io penso che tu abbia barato, in ogni caso va bene lo stesso. Barare ti servirà spesso.

tratto da L’”Architemario – volevo fare l’astronauta” è in vendita su amazon – clicca qui per acquistare, sul sito di overview editore – clicca qui, o su ibs – clicca qui

(Visited 1.076 times, 1 visits today)

2 Comments PICCOLO TEST PER ASPIRANTI ARCHITETTI

  1. Anna Bianchini 23 Aprile 2019 at 16:06

    Salve, mi chiamo Anna e frequento la quarta liceo scientifico.
    Fin dalla quarta elementare ho sempre pensato che mi sarebbe piaciuto fare l’ architetto,non ho mai auto dubbi dato che sono sempre stata tra le più brave della classe in disegno tecnico e in storia dell’ arte. Nonostante questo dato che il momento in cui dovrò andare all’ università si avvicina sempre di più mi sono chiesta se fossi davvero portata per l’ architettura;

    Alla fine del test (che dopo l’introduzione iniziale pensavo fosse di tipo attitudinale) ho fatto un punteggio di 68 punti; mi sono resa conto di quanto il mio dubbio fosse sciocco e di quanto altrettanto sciocco fosse questo test.
    Mi auguro vivamente che il test sia ironico e che io non me ne sia resa conto; in tutta sincerità mi sono sentita offesa nelle domande dedicate alle donne, specialmente nella numero 4: solo perchè sono donna dovrei essere interessata solo alle riviste di gossip e per forza solo gli uomini devono interessarsi di sport? Spero vivamente che lei abbia delle vedute ben più ampie. Nelle domande successive il mio stato d’ animo è cambiato da tristezza a dubbio e poi a rabbia nelle rispettive domande 7 e 10.
    Secondo quale logica io (futura/o studentessa/e universitario) dovrei sapere che lavoro fa il mio migliore amico che si ipotizza abbia la mia stessa età? Per caso lei intende che io debba circondarmi di amici solo per convenienza? Mi auguro ancora una volta che questi non siano i concetti su cui basa la sua vita.
    Ho iniziato a sentire la rabbia alla domanda 10 quando lei ha chiesto che lavoro fa mio padre, a questo punto la mia domanda è la seguente: che correlazione ha l’ impiego di mio padre sul mio futuro? Siamo ufficialmente tornati nel medioevo per cui devo per forza fare lo stesso lavoro di mio padre?

    Infine le scrivo questo commento sia per dirle che il suo test è deleterio, maschilista e ai fini dell’ orientamento universitario inutile, ma anche per dirle che io “l’ architetto con le polacchine scamosciate” non l’ ho mai immaginato, e che le scienze politiche ( che dal modo in cui lei le cita sono tanto inutili) non le ho mai prese in considerazione, spero nemmeno lei.
    Sarei felice se lei mi rispondesse tramite mail (annabbspam@gmail.com)
    Le auguro buona serata e la saluto.

    Reply
    1. admin 24 Aprile 2019 at 12:08

      Cara Anna.
      Sei simpaticissima.
      Invece io l’ho capito subito che eri ironica.
      Ti abbraccio.
      (pensaci bene al “se sei portata davvero per l’architettura”).

      Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 × = 12