FINCHE’ LA BARCA NON VA…

C’è sempre il mare nei dipinti di Antonio Daponte il medico pittore, che per l’ottavo anno espone i suoi lavori a Minori al Largo Solaio dei pastai (ogni sera fino al 16 luglio). Il titolo della mostra “L8 – fight” gioca con i numeri e con il desiderio (o forse la speranza) di lottare.

Un’invocazione, che sa pure di preghiera, perché Daponte ha abbandonato i temi rosseggianti e ardenti dei vulcani in fiamme per trattenersi sulla spiaggia in compagnia di piccole imbarcazioni in secca o sospese su specchi d’acqua blu cobalto, bassi e trasparenti.

Tutto è blu nel mondo del Daponte, il mare, la vernice sulle carene, l’orizzonte, persino le ombre.

Piccoli elementi posano qua e là, solo per restituire la dimensione degli oggetti in primo piano: scogli, massi, bitte, scanni e sacchi abbandonati. L’assenza degli uomini è sintomo e causa di ogni solitudine.

Sembrano scafi trascurati o a riposo. Invernali. E se la lotta del Daponte, fosse quella contro il rumore?.

Lo ritroviamo ogni volta sufficientemente maturo nel suo dipingere: quella capacità di ritoccare il punto di vista, fa di Daponte un interprete conciliante e imperscrutabile della pittura. Selezionato il tema, lo analizza da ogni angolatura, della anamnesi ne fa metafora, all’osservatore (critico) lascia sempre un motivo di riflessione.

C’è forse un sottile filo che unisce le viste degli interpreti della Scuola di Maiori, i bastimenti tirati sulle spiagge di fine ‘800, che risale fino alle vedute di Virginio Quarta e di Bartolo Savo, con le barche tra i colori delle case, fino a queste, solitarie, del Daponte.


1: P. Scoppetta “La spiaggia di Amalfi con il palazzo di Pipinella”, 1880 ca. – 2: A. Ferrigno “La marina di Maiori vista da levante, 1890 ca. – 3: V. Quarta “Barca a Minori, 2008 – 4: B. Savo “Scorcio del lungomare di Minori, 2008.

Tuttavia c’è da chiedersi se siano davvero spiaggiate le barche del Daponte, se la manutenzione che richiedono sia l’unico dettaglio che manchi al loro varo. O che quelle sospese sul mare, siano solo e viceversa in attesa di un navigante.

Intanto mostrano le loro interiora, la colonna vertebrale, nuda, del corpo dell’imbarcazione. Lezione di anatomia navale che non stupisce, se impartita da un medico.

Sono, forse siamo, barche abbandonate sulla spiaggia o a mollo, in attesa di partire e di un nuovo destino.

Ma finché la barca non va…

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis – search me on LINKEDIN

Sei un architetto o ti senti tale? Hai un parente o un amico architetto? COMPRA e/o REGALA: “L’Architemario in quarantena – Prigionia oziosa di un architetto”. Il libro che ogni architetto, vero, finto, parente o amico di, deve assolutamente leggere!. CLICCA QUI PER ORDINARLO SU AMAZON

Leggi anche: Quell’11 luglio

Cabine! Cabine!

 E allora si, propaganda!

Disobbedire

(Visited 132 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 × 5 =