L’ARCHITETTURA VEGETALE – IL MANIFESTO

Preso atto dell’inarrestabile processo di disfacimento del pianeta, nel tentativo di prolungarne l’esistenza, Noi, Architetti Vegetali ci assumiamo la responsabilità di dare nuovo corso alla storia dell’architettura

Sicché proclamiamo:

1. Che l’Architettura Vegetale promuove il colore verde in tutte le sue tonalità, identificandolo come unica tinta possibile. Ripudia ogni altro colore. Concede deroghe al bianco se utilizzato come sfondo e al giallo, se tendente al verde. Durante il processo di conversione cromatica, ogni superficie di qualsiasi materiale verrà riverniciata utilizzando tutte le sfumature disponibili

2. Che l’Architettura Vegetale sostiene esclusivamente forme di energia rinnovabili e impiega solo materiali biocompatibili, riciclati, riciclabili e deperibili. Rinnega qualsiasi essenza non naturale se non per il supporto di opere vegetali. Dichiara guerra all’asfalto, all’alluminio anodizzato, alla lamiera coibentata e a qualsiasi tipo di pavimentazione non erbata

3. Che l’Architettura Vegetale non è contemporanea: è futuribile. È verticale e orizzontale. Si issa nel cielo, scava nel sottosuolo, si estende in superficie. Si misura in metri ed are, si pesa al chilo. Non è organica, se non con se stessa. Sollecita spostamenti su veicoli ad impatto zero, preferibilmente a quattro ruote motrici

4. Che l’Architettura Vegetale esige soleggiamento, corretta esposizione, ombreggiatura adeguata, poca umidità. Si integra col clima, non si isola. Non è funzionale, si riconverte. Non si moltiplica, attecchisce. Non si decora, al massimo si pota

5. Che l’Architettura Vegetale è geneticamente eclettica. Non predilige tipi, non ama correnti, solo brezze. Non teme le mode. È sempre di moda e, dunque, non lo è. Favorisce gli innesti e asseconda le contaminazioni. Ovvero si centrifuga

6. Che l’Architettura Vegetale non prevede né linee né angoli retti. Apprezza la geometria ma scansa le simmetrie. È imprevedibile, si contorce, non conosce ostacoli né fisici, né virtuali. È già ovunque anche se non si vede e sostituirà, inevitabilmente, l’architettura comune, rendendo superfluo il ruolo dell’architetto come tradizionalmente concepito

7. Che l’Architettura Vegetale è effimera, passeggera, emozionale. Coglie la stagionalità e la mezza stagionalità del gesto. È profumata in primavera, frivola in estate, melensa in inverno, fica in autunno. Durerà un giorno o mille secoli, dipende dai parassiti e dal fertilizzante

8. Che l’Architettura Vegetale sarà la vitamina culturale del terzo millennio.

Per aderire al movimento twitta la tua architettura verde con l’hashtag #architetturavegetale

(Articolo pubblicato nella rubrica “L’Archintruso” su “Il Giornale dell’architettura”)

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis – search me on LINKEDIN

Spaventato da un nuovo lockdown? Niente paura! Dopo L’Architemario è uscito il mio secondo libro: “L’Architemario in quarantena – Prigionia oziosa di un architetto”. Il libro perfetto per superare in allegria confinamenti in zone rossa, arancione rafforzato, arancione e gialla CLICCA QUI PER ORDINARLO SU AMAZON

Leggi anche: Vita e malavita di un architetto visionario

Parassiti

Portami tante isole delle rose

Da tutti i lati

L’architetto “Dio” e la storia di Adamo ed Eva (ciclo “Favole d’architettura”)

Cappuccetto architetto Rosso (ciclo “Favole d’architettura”)

(Visited 343 times, 1 visits today)

1 Comment L’ARCHITETTURA VEGETALE – IL MANIFESTO

  1. MAURIZIO CORRADO 29 Marzo 2021 at 12:44

    Buongiorno Christian, ho letto con piacere il tuo manifesto, e mi chiedevo, è proprio una curiosità, se conosci il lavoro che sto portando avanti da anni sull’Architettura Vegetale, con mostre (Vegetecture 2011, Green Utopia 2014, 2015) e libri, se dai un’occhio alle mie pubblicazioni, ne trovi parecchie, compreso l’ultimo, Architetture del dopo, costruire con le piante. Sentiamoci. maurizio.corrado@yahoo.it

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 × = 12