DA TUTTI I LATI

L’architettura ha questo di bello (o di brutto): tutti possono dire la loro.

E il parere di uno studioso della storia dell’architettura, di un critico, di un architetto o di qualsiasi altro addetto ai lavori, vale quanto quello di un qualsiasi passante.

Perché l’architettura ha pure questo di bello: non devi cercarla di proposito, la incontri per strada.

Fatta questa indispensabile premessa (che, dunque, accomuna la presente opinione a qualsiasi altra) possiamo pure convenire che ogni architettura, anche pessima, possegga sempre qualche lato positivo.

Un punto dal quale si possa apprezzarla e dire: “…tutto sommato da qui non è male”.

Questo tipo di valutazione vale come pure come alibi. Dinanzi ad un’architettura mal riuscita si può sempre invocare un’attenuante generica.

Bene. Nel caso dell’edificio “Crescent” dell’architetto spagnolo Ricardo Bofill, in costruzione (da non so più oramai quanti anni) sulla spiaggia di Santa Teresa a Salerno, questo punto non esiste.

E questo rende, a mio parere, quell’architettura assolutamente speciale. Forse unica.

Da vicino, da lontano, dall’alto, dal mare, di profilo, in prospetto, in relazione con la costa e con gli edifici intorno. Di sbieco o con attenzione, con leggerezza o impegno, razionalmente o distrattamente: il “Crescent” è orribile da tutti i lati e in qualsiasi modo lo si osservi.

«…in tutti i modi, tutti i luoghi, tutti i laghi» parafrasando una nota canzone.

Tanto da mortificare, e peggiorare, anche la stazione marittima di Zaha Hadid che si trova nei pressi.

Tra le due architetture, coeve, sembra intercorrere una distanza temporale di almeno due secoli e di numerose rivoluzioni culturali.

Gli studenti delle facoltà di architettura dovrebbero venire a Salerno, in viaggio-studio, ad osservare il “Crescent” per imparare come non si fa.

Rilanciando il turismo.

(questo articolo è stato pubblicato nella rubricaL’Archritico” sul sito ulisseonline.it)

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis – search me on LINKEDIN

Spaventato da un nuovo lockdown? Niente paura ! Dopo L’Architemario è uscito il mio secondo libro: “L’Architemario in quarantena – Prigionia oziosa di un architetto”. Il libro perfetto per superare in allegria confinamenti in zone rossa, arancione rafforzato, arancione e gialla CLICCA QUI PER ORDINARLO SU AMAZON

Leggi anche: La citazione

La concorsosi dell’architetto

Cappuccetto architetto rosso (ciclo “Favole d’architettura”)

Biancaneve e i sette nani nel cantiere (ciclo “Favole d’architettura”)

L’architetto Aladino e la lampada magica (ciclo “Favole d’architettura”)

(Visited 88 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 − 3 =