LA STAGIONE DEI DISASTRI

La “Stagione dei disastri” viene e va.

Ed ora, secondo una facile previsione, sta per venire.

Non come quella “della manutenzione” che non viene mai.

Non sarà un fatto climatico. Taglierà trasversalmente alcuni anni solari, almeno fino al 2026. Ignorerà persino le ferie d’agosto e si imporrà al Natale e alla Pasqua. Marcerà come un treno ad alta velocità, sospinta da alcuni miliardi di euro.

All’improvviso senza accorgercene, la vivremo, ci sorprenderà.

Chiaramente nessuno parlerà mai di “disastri”. Né tanto meno di “stagione”, anzi il telegiornale nazionale la chiamerà “rinascita”, la loderà per efficienza e dinamismo. Gli oppositori, sparuti, fingeranno talvolta disappunto, ma troveranno, infine, il modo di accomodarsi.

La “Stagione dei disastri” sarà accompagnata da un grosso rumore di sferragliamento, gru, pale meccaniche, martelli pneumatici. Dalle finestre delle nostre case vedremo circolare molte persone sconosciute; indosseranno un caschetto giallo, anche sopra la giacca e la cravatta. Srotoleranno progetti sul selciato che tutti insieme guarderanno fingendo di capirlo.

Qualcuno di loro indicherà qualcosa con le dita. Molti annuiranno.

Tornerà di moda il ponte, il tunnel, il viadotto strallato. Il parcheggio multipiano ritroverà appeal. Lo sbancamento avrà nuova gloria. Avremo mille nuovi centri commerciali. Grattacieli classe A+++ pieni di verde. Condomini rigenerati al 110%.

Per fare presto molti chiuderanno un occhio. La “Soprintendenza speciale” li chiuderà entrambi e per sicurezza si girerà anche dall’altra parte. La transizione ecolog… no niente.

La bellezza perderà sostenitori, finendo sotto la quota dello sbarramento.

Gli orizzonti perduti, citati da Battiato, lo saranno per sempre.

I cittadini, quelli non coinvolti direttamente almeno, guarderanno stupiti questi fenomeni. Leggeranno straniti i cartelli dinanzi ai cantieri. Gli anziani rivendicheranno il loro posto in prima fila dietro le recinzioni. La pazienza sarà ricompensata con nuovi “bonus”.

A compiere la “Stagione dei disastri” migliaia di nuovi statali a tempo determinato reclutati coi quiz. Principalmente burocrati, informatici, matematici, talvolta ingegneri. Architetti pochi, fanno troppe domande. Anzi per evitare perplessità e quesiti saranno introdotti i militari.

Seguiranno le indicazioni di sindaci che ci spiegheranno come andrà il mondo. Prendendo ordini da politici di mezza tacca con desideri che non invecchiano, quasi mai, con l’età.

Ci lascerà un cumulo di macerie.

Prepariamoci.

Sarà meravigliosamente rovinosa, la “Stagione dei disastri”.

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis – search me on LINKEDIN

Parafrasando Dante: “Nessun maggior gioia che ricordarsi del tempo infelice nell’allegria“. Dopo L’Architemario è uscito il mio secondo libro: “L’Architemario in quarantena – Prigionia oziosa di un architetto”. Il libro perfetto per dimenticare le zone rosse, arancione rafforzato, arancione e gialle . CLICCA QUI PER ORDINARLO SU AMAZON

Leggi anche: Biennale d’architettura: 5 padiglioni “speciali”

La soprintendenza speciale

Piccioni a Ravello

Il mistero della cabina armadio

Abbiate fede

(Visited 341 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 − 1 =