SFIDE: L’ARCHITETTO CONTRO IL PAVIMENTO SENZA “FUGA”

fuga-pavimenti

Alcuni dibattiti sembrano infiniti. Tipo: meglio il boxer o gli slip ? Le ciabatte o le infradito ? Il pavimento va posato con o senza “fuga” ?. Se intorno alle prime due domande, di solito, le controversie hanno come teatro i programmi televisivi del pomeriggio e come interpreti eminenti scienziati del pensiero contemporaneo, per rispondere al terzo interrogativo occorre sostenere lunghe discussioni sul cantiere in compagnia del piastrellista e dell’architetto. La “fuga” nei pavimenti delle abitazioni è quella cosa della quale nessuno si occupa e poi, puntualmente, c’è sempre chi... Leggi tutto →

LA CASA IDEALE DEL PROPRIETARIO DEL CANE (E DEL CANE)

cane-disastri1

Oggi sempre più gente adotta un cane. E’ facile verificarlo dal numero crescente delle cacche che si incontrano sui marciapiedi delle nostre città. Molti prendono un cane per non sentirsi soli, magari dopo essere usciti da una relazione. Infatti trattano il cane proprio come trattavano il o la ex, anzi meglio. Per esempio parlandogli, andando a fare shopping in centro e footing al parco o guardando insieme la televisione sul divano, tutte cose che con il o la ex non facevano più da anni. Purtroppo, nella maggior parte dei casi,... Leggi tutto →

SFIDE: L’ARCHITETTO CONTRO L’AVVISO DI GARANZIA

raccomandata-78

Oggi se fai l’architetto da libero professionista e non ti sei beccato almeno due o tre avvisi di garanzia, non sei nessuno. Non conviene nemmeno dire in giro che fai l’architetto, perché si rischia di fare una cattiva figura. Anzi bisognerebbe scriverlo nel codice deontologico che se un architetto non prende almeno un avviso di garanzia ogni due anni, allora deve riconsegnare il timbro. Un po’ come la raccolta dei crediti, se non si riceve un po’ di attenzione dalla magistratura, magari anche con qualche rinvio a giudizio e, se... Leggi tutto →

LA CASA IDEALE DEL VECCHIO (D’ESTATE)

ilvecchio

Una volta si diceva “povero vecchio” ma ora non più perché poveri sono diventati i giovani mentre i vecchi si godono la loro bella pensione. In particolare, i vecchi maschi vedovi, che, da quando hanno sepolto la moglie, sono come ringiovaniti di almeno 20 anni ed ora non ne vogliono più sapere di morire, anzi, forse non moriranno più. Il vecchio abita in una casa assolutamente sproporzionata per le sue necessità (clicca sull’immagine per ingrandire). Ma è la sua casa ideale anche perché quella è la sua casa. L’ha, infatti,... Leggi tutto →

LA CASA IDEALE DEL CYBERBULLO (“HATER”)

hater

L’aspetto più preoccupante della diffusione della rete è senza dubbio l’espansione del fenomeno dei cyber bulli, detti più comunemente “hater” cioè gli “odiatori”. Il problema degli hater è molto serio anche perché è davvero complicato rintracciarli. I cyberbulli agiscono, infatti, in perfetto anonimato grazie a numerosi nickname tramite i quali frequentano tutti i social network grazie a profili senza generalità. Altra caratteristica del cyber bullo è la sua capacità di mimetizzarsi, vivendo in condizioni di assoluta normalità in case del tutto anonime, in banali condomini tra il centro e la... Leggi tutto →

LA CASA IDEALE DELL’ASOCIALE

casa-isolata

Tra pochi anni il vero lusso sarà vivere in posti silenziosi in completo isolamento. In questo senso l’asociale è già molto avanti, anche se in molti scambiano la sua lungimiranza per un disturbo caratteriale. La casa ideale dell’asociale (clicca sull’immagine per ingrandire) si trova in un posto isolato, preferibilmente la cima di un monte o al centro di una foresta. In prossimità della casa, l’asociale sistema il bidone della spazzatura (plastica, secco, vetro) che non si sa chi verrà a ritirare e la cassetta della posta a vantaggio di eventuali,... Leggi tutto →

SFIDE: L’ARCHITETTO CONTRO IL CONDOMINIO

condominio

Alcune invenzioni che si proponevano di migliorare l’esistenza degli esseri umani, l’hanno di molto peggiorata. I casi più eclatanti sono facebook ed il condominio. L’architetto oramai desidera lavorare solo in posti isolati, ma, purtroppo, la maggior parte delle volte deve combattere contro l’arduo ostacolo del condominio. Gli antichi romani avevano già compreso il concetto di condominio, ma erano come al solito troppo avanti perché non avevano ancora inventato gli edifici a più livelli, divisi in orizzontale. Ed ovviamente neanche le scale interne e figuriamoci l’ascensore. Dall’impero romano fino al primo... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO ODIA L’ESTATE

sudando

Tra pochi giorni sarà estate e, purtroppo, come ogni anno, è triste constatare che gli architetti non sono pronti. Allora vale la pena di rammentare i versi di Bruno Martino che nel 1960 cantava “Odio l’estate”, brano che oggi interpreta precisamente il pensiero di almeno 150.000 architetti liberi professionisti italici, che diffidano dell’Autunno, combattono con l’inverno, si intristiscono in primavera e odiano l’estate, perché la ritengono, senza alcun dubbio, la loro stagione peggiore. Sentimento generato dai seguenti cinque motivi: -        Il rimpianto: Non so se ci avete fatto caso, ma... Leggi tutto →

« Older Entries

 
Back to top