LE CRISI DELL’ARCHITETTO

crisi-lavoro

Secondo una recente indagine, se chiedete ad un architetto: “come stai ?”, nell’85% dei casi vi risponderà: “in crisi”. A quel punto non bisogna accontentarsi di questa risposta generica, bensì cercare di capire da che tipo di crisi è tormentato l’architetto. A differenza degli esseri umani normali, infatti, l’architetto può accusare molte più forme di crisi, ma soprattutto è prassi che ne abbia più di una contemporaneamente e che per una questione di semplicità le riassuma nel concetto generale di crisi. Ecco le cinque crisi tipiche dell’architetto. -          Economica: Questa crisi... Leggi tutto →

Il riciclo dell’architetto in tempo di crisi

birilli2

A causa del risultato equilibrato delle elezioni, un ipotetico rilancio del mondo del lavoro appare ancora più improbabile, tanto che alcuni lavori alternativi per architetti che si riciclano in tempo di crisi, segnalati in un precedente articolo, sono da considerarsi pressoché improponibili. Inoltre molti colleghi mi hanno comunicato la loro intenzione di voler restare nel campo edile pur svolgendo, in attesa di tempi migliori, mansioni alternative, anche al servizio di altri architetti con compiti di collaborazione non convenzionale. Indubbiamente per l’architetto che intende riciclarsi restando nell’ambiente lavorativo al quale sono... Leggi tutto →

Le nostre cittadine e le vetrine vuote

cedesi attività

“Ogni volta che esco a fare una passeggiata vedo sempre più negozi chiusi (…) D’improvviso, le vetrine vuote, l’insegna scomparsa dalla facciata, mi sconvolgono, come capita con le morti improvvise o le disgrazie inaspettate. (…) E rabbrividisco, contagiato dalla delusione, dal fallimento che mi trasmette quel triste cartello appeso alla vetrina con le parole affittasi o cedesi attività”. Comincia con queste parole un brano di Arturo Perez-Reverte, il più popolare scrittore spagnolo, pubblicato lo scorso 21 Gennaio su “La lettura” dal titolo “La mia Spagna senza più sogni”, un grido... Leggi tutto →

 
Back to top