LA TEORIA DEL PALETTO

paletti

Il mio prozio, scomparso il mese scorso, non ha mai raggiunto gli onori della cronaca. Ho controllato, il suo nome non è neppure su wikipedia. Eppure dovrebbe esserci perché è stato lui l’inventore della teoria “del paletto”, omologa di quella, ingiustamente più nota, delle “finestre rotte” descritta da Wilson e Kelling nel 1982. Quella “del paletto” non è una teoria come le altre, cioè ad uso esclusivo di sociologi o criminologi ma buona per tutti: uomini e donne, giovani e anziani, architetti, medici, avvocati, sportivi e pensionati. Il prozio arrivò... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO LENTO

lentezza

Tutti sanno che gli architetti sono lenti, lo sono per definizione. L’architetto veloce è, infatti, un ossimoro. Una figura retorica come il silenzio assordante, la lucida follia e l’avvocato sincero. Se un architetto si dimostra assolutamente rapido bisogna dubitarne perché è probabile non sia un vero architetto ma un geometra, oppure un ingegnere che si finge architetto per qualche strano motivo. Quando un architetto viene accusato di essere lento può scaricare la responsabilità su un altro professionista che collabora con lui e che per lui svolge una mansione propedeutica, tanto... Leggi tutto →

IL MESTIERE DEL MODULISTA

modulor

Un mio cugino di secondo grado si è appena laureato in modulistica. Si tratta di una laurea nuova, è uno dei primi che ottiene questo titolo. Prima aveva studiato architettura per tre anni, poi ha fatto due chiacchiere con altri architetti (anche con me) e ha cambiato facoltà. Così è successo che ha lasciato “Architettura” e si è iscritto a “Modulistica”. Al contrario di “Architettura”, “Modulistica” è una laurea che in Italia servirà molto in futuro. Il corso di laurea non è proprio agevole, sono 30 esami, tutti scritti. Mi... Leggi tutto →

QUELL’ESTATE A QUATTROVENTI

lipari

Potrei raccontare molte bugie sul come scelsi di trascorrere le mie vacanze, quell’estate, sull’isola di Quattroventi. Ma la realtà è sempre meno romantica della fantasia. Ero rimasto solo e i posti, nei luoghi che ero curioso di visitare, erano già tutti pieni. Per questo, quando su un sito di viaggi last minute, mi imbattei in quell’offerta per trascorrere l’intero mese di luglio laggiù, cliccai sul tasto “prenota” senza pensarci troppo. Un’altra verità è che io ho sempre amato le isole. Luoghi dove si passa svelti ma poi si ritorna per... Leggi tutto →

LA LEVA ARCHITETTONICA DEL ’75

pizzetta

C’era ancora il sole sui tetti dei palazzi in costruzione. Eravamo giovani, con i capelli lunghi e le vertebre tutte allineate precisamente. Giocavamo con il pallone di gomma leggera, con i piedi, ma anche con le mani. I pantaloni ci andavano tutti larghi. La differenza tra l’anno in corso e il nostro di nascita dava risultati risibili, senza raggiungere le due decine. Fu un’ottima leva quella architettonica del ’75. La prima selezionata con un test attitudinale, non fisico ahimè (quello sarebbe servito dopo) ma intellettuale. A quel tempo già non... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO FUOCO-ACQUA-ARIA-TERRA

four

Secondo uno studio del prestigioso istituto di scienze umane e sociali di Cascate di Sotto (BG), i professionisti sviluppano una naturale propensione alla propria attività in relazione al loro rapporto con gli elementi fondamentali del creato: fuoco, acqua, aria e terra. Tale distinzione vale anche e soprattutto per la categoria degli architetti che sono sempre chiamati a confrontarsi contro le forze incalcolabili della natura. Secondo il professor Varanzano, luminare e direttore dell’istituto, bisognerebbe addirittura suddividere gli architetti in elenchi separati a seconda della loro predisposizione ad interfacciarsi con gli elementi... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO SPACCIATORE

spaccio

Oramai sempre più spesso si sente parlare di architetti che coltivano, a scopo sia personale che per spaccio, stupefacenti quali marijuana o hashish, in piccoli orti o in terreni di proprietà. L’ultimo caso in ordine di tempo è accaduto ad Ospitaletto, dove, in un deposito-garage al piano terra di un elegante condominio, sono stati rintracciati 60 chili di hashish. L’architetto, quarantaquattrenne, proprietario del deposito-garage, agli inquirenti avrebbe dichiarato “sono in crisi, perciò spaccio”. Secondo una previsione statistica, il fenomeno dell’architetto spacciatore si ingigantirà fino a che, nel 2025, il 50%... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO NORMODOTATO

visitamilitare

Alla visita per diventare architetto, la commissione, dopo una serie di analisi mi inserì nella lunga fila dei “normodotati”. Avevo 26 anni, 9/10 di vista, 95 di torace e taglia 48 di pantaloni; non fu neppure indispensabile spogliarsi nudo, tanto certe cose si vedono subito, anche da vestito. Altri sono i fattori che fanno di un architetto un normodotato. Ci furono anche un discreto numero di architetti dichiarati superdotati ai quali, mi dissero, venne risparmiata molta della procedura standard. Degli architetti superdotati si persero immediatamente le tracce: entravano senza bussare... Leggi tutto →

« Older Entries

 
Back to top