SPOSARSI UN ARCHITETTO

matrimonio

Lo voglio dire soprattutto ai giovani, mettersi in casa un architetto comporta dei rischi. Qualcuno vi deve avvisare degli inconvenienti che implica e delle contraddizioni che solleva. Siccome nessun architetto si manifesta subito, chiaramente, per quello che è, occorre smascherarlo un po’ per volta con testimonianze indirette o fughe di notizie tramite informatori. Innanzitutto prima di mettersi in casa un architetto, si consiglia comunque un periodo di convivenza che oscilli tra gli 8 mesi e i 6 anni senza soluzione di continuità. Dal momento in cui si sceglie di mettersi... Leggi tutto →

NUOVE OPPORTUNITA’ DI LAVORO PER ARCHITETTI 2.0 (seconda parte)

giovane_disoccupato

La settimana scorsa abbiamo visto come l’architetto tecnologico, generazione 2.0, abbia molte possibilità di riciclarsi in chiave lavorativa, superando la concorrenza, specie quella più attempata, che confonde ancora la porta USB con quella HDMI. Prima di proseguire la classifica dei 10 nuovi mestieri per l’architetto contemporaneo in ordine di modernità tecnologica, ricordiamo le posizioni già note (vedi: http://www.christiandeiuliis.it/nuove-opportunita-di-lavoro-per-architetti-2-0/ ): 10° Il CTU in tribunale 9°  Il commesso all’Ikea o da Leroy Merlin 8°  L’amministratore di condominio 7°  Il rappresentante di infissi (o materiale edile in genere) 6°  L’organizzatore di eventi mondani... Leggi tutto →

PARIGI VAL BENE UN LOW COST

piazza_beaubourg_viii_by_the_loners_on_wheels

Parigi in fondo è come il centro di Bologna, dove “non si perde neanche un bambino”. La torre tiene insieme tante anime, cittadine differenti, dove puoi sentirti sempre a casa. Così mi apparve quando fui là, Parigi, quel Maggio di qualche anno fa. A Les Halles, i fratelli Bergamasco, rugbisti italiani, giravano uno spot. La gente si fermava intorno, dava solo un’occhiata poi proseguiva: tutto sembrava un set, dentro e fuori l’inquadratura; così improvvisamente al fondo della strada comparve il museo Beauborg, ,dalle finestre vidi sciami di giovani sulla sommità... Leggi tutto →

NUOVE OPPORTUNITA’ DI LAVORO PER ARCHITETTI 2.0

faccio cose diverse

N.B.: Nel Febbraio del 2013,  pubblicai un brano dal titolo “Il riciclo dell’architetto: vita nuova, lavoro nuovo” (successivamente pubblicato anche sul libro L’Architemario). Questo ne è la sua naturale evoluzione. Da un recente rapporto dell’Università Cattolica di Milano, (della quale fingeremo di fidarci), abbiamo appreso che oggi in Italia vegetano circa 2,3 milioni di NEET (che sta per “Not engaged in Education, Employment or Training”), giovani o meno giovani che non studiano e non lavorano. Tra questi sono compresi certamente anche parecchi architetti, che non riescono a lavorare come tali,... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO E L’ARTE DELLA MENZOGNA PROFESSIONALE

bugia

Contrordine: secondo le ultime indicazioni, mentire non è più considerato un vizio. Anzi per esercitare una professione di tipo intellettuale è considerato un valore aggiuntivo. Alcune professioni fanno, infatti, della frottola la propria ragione d’esistenza. In una classifica virtuale dell’esercizio professionale dell’arte della menzogna è senza dubbio l’avvocato a posizionarsi al primo posto, mentre ultimo si piazza l’ingegnere, le cui bugie vengono puntualmente smentite dalla precisione matematica (di altri ingegneri più onesti). Ma a che posizione di questa classifica si situa l’architetto, con la sua personalità da pavido romantico, in... Leggi tutto →

 
Back to top