Libreria “La Scatola”

Mi piace cercare di trovare delle forme che sappiano contenere delle cose. Creare delle scatole che possano restare aperte e sospese nello spazio, lasciando liberi gli oggetti. Piccoli spazi che ospitino ma non nascondino, che siano capaci di spiegare senza parlare. Spazi che posso formare con delle linee che semplicemente incrocino altre linee, così che tutte insieme sembrino delle piccole case. Case dove ho la sensazione che il tempo trascorra o che il tempo si fermi.

C’è una sostanziale differenza tra l’essere complicato e l’essere complesso. I due concetti sono profondamente diversi e non si sfiorano mai. Spesso un’equilibrata complessità si traduce, viceversa, in una accorta semplicità. Elementi composti in armonia possono reggersi nello spazio come sospesi, quasi immateriali, sostenendosi a vicenda come sui piatti della bilancia. La libreria “La scatola” prova a far galleggiare nello spazio piccole case, spazi trasparenti che si lasciano traguardare reggendo nell’aria i propri abitanti: libri, piante, oggetti, lampade. Minimale, essenziale, geometrica con leggere variazioni.

Quando: realizzato nel Settembre 2005 da Criscuolo Giovanni (falegname)

dove si trova: Studio Tecnico De Iuliis – via Lama, Minori (SA)

di cosa è fatto – quanto grande: legno – 1,40 X 0,98 X 0,36 mt.

(Visited 32 times, 1 visits today)