IL VALORE DELLA VITA DI UN ARCHITETTO (SECONDO INARCASSA)

Tra le cose che abbiamo scoperto in questi giorni ce n’è una davvero importante.

E’ il valore della vita di un architetto italiano. Quotato in euro.

Lo ha fissato Inarcassa, l’ente previdenziale dedicato, in base al numero di architetti esistenti, sulla loro effettiva utilità sociale e sulla situazione economica generale.

In caso di morte da coronavirus, Inarcassa ha stabilito di dare un rimborso nella misura di 5000 euro ai familiari della vittima, ma solo se in regola coi pagamenti. In ogni caso, il futuro morto, prima di spegnersi, può tranquillamente saldare gli arretrati. O dare disposizione in merito.

La cifra ha sollevato un vespaio di polemiche.

Ma a parer mio, non bisogna scandalizzarsi.

Va accolta secondo un principio di razionalità.

Partiamo dalle spese purtroppo necessarie.

C’è subito un lato positivo: chi muore oggi non ha bisogno del funerale, solo un minimo servizio cimiteriale che possiamo quantificare in 800 euro. 1000 se l’architetto vive al quarto piano senza ascensore e per calarlo necessita di manovalanza qualificata.

Situazione che raramente si verifica, poiché gli architetti non sono così ricchi da abitare al centro storico nei palazzi storici difesi dalla soprintendenza come il “Cenacolo” di Leonardo, ma, per una questione di dignità, non stanno neppure nelle palazzine popolari della “167”, unici due modelli di edifici nazionali ancora privi di ascensore.

A questo va aggiunto, chiaramente, il prezzo della bara.

Anche in questo caso, Inarcassa ha calcolato che secondo lo stile in uso, la maggior parte degli architetti preferirebbero abbracciare la corrente minimalista. Nessun architetto oggi sceglierebbe di passare l’eternità in una bara barocca con bordi dorati e intarsi. Ma soprattutto, nel dubbio, nessun familiare di architetto, addestrato con dosi massicce di “Less is more”, spenderebbe denaro per sotterrarlo rinchiuso nel mogano australiano. Va dunque benissimo una bara minimal, anche detta “cassa” (o, se preferite, inarCASSA) con gli angoli squadrati, modello «Louis Kahn», 500 euro in saldo.

Un vero affare.

In alternativa ci sarebbe la cremazione: rapida, ecologica e maggiormente poetica, ma tutto sommato, sui prezzi siamo là.

A questo punto va aggiunto il costo della tomba.

Pure per questo Inarcassa ha effettuato un’analisi di mercato piuttosto rigorosa che fa ancora affidamento sull’amore per l’essenziale e sulla capacità dell’architetto di apprezzare la sperimentazione di materiali alternativi e “poveri”. Nonché assolutamente biodegradabili, come del resto, in questo caso, il contenuto. Una bella tomba in cartone ignifugo riciclato, stampato in 3D e con 250, massimo 300 euro, si risolve.

Infine, essendo solitamente indigenti, gli architetti lasciano poco o niente ai successori, che così eludono dispendiose pratiche ereditarie.

A questo punto ai familiari, completate le operazioni di sepoltura, restano ben 3200 euro. Facciamo 3000 cifra tonda.

Sembrano pochi, ma ora occorre calcolare i vantaggi di aver rimosso un architetto da casa. Iniziamo dalle spese.

Prima di tutto quelle relative allo studio professionale. Si pensi agli architetti che praticano in affitto, costretti a pagare anche bollette di acqua, luce, gas di riscaldamento e connessione internet.

Ma anche se l’architetto svolge regolarmente lavoro da casa, è chiaro che quella stanza, divenuta eccedente, può essere subaffittata (o addirittura venduta) al vicino, o meglio ancora utilizzata per un’attività extralberghiera tipo bed&breakfast. Al netto del risparmio delle bollette, una bella camera con bagno può elargire una rendita fissa annua che, in zone turistiche, può raggiungere anche i 4000 euro.

Ovviamente l’architetto defunto non dovrebbe più pagare quote contributive all’ente, con un risparmio-guadagno netto per il nucleo familiare di circa 3200 euro annue.

A questo vanno aggiunte tutte le spese lavorative non rimborsabili, tipo quelle relative agli spostamenti in auto. Anzi, siccome la macchina dell’architetto in famiglia non serve più, la si può rottamare, con un altro profitto annuo, tra bollo, assicurazione e carburante di almeno 5000 euro.

Ma soprattutto al nucleo familiare andrà attribuita una pensione di reversibilità, che nella peggiore delle ipotesi va quantificata in 6000 euro annui.

Potremmo fermarci qui, ma, per prudenza, io direi di aggiungere almeno altri 2000 euro per commissioni indirettamente connesse al lavoro (tipo corsi di aggiornamento, commercialista, visite di mostre, libri, riviste ecc.).

Tecnicamente la scomparsa dell’architetto, per il nucleo familiare, vale almeno 20000 euro all’anno, ai quali nel primo anno si sommano pure i 3000 che generosamente Inarcassa elargisce.

A questo punto i familiari dovrebbero chiedersi se il loro architetto domestico, adduce un guadagno di 20000 euro annui (23000 nel primo anno) e soprattutto, se li reca, a quali stress accessori sottopone la famiglia.

Pensate ad esempio ai giovani architetti che sono costretti a lavorare senza nemmeno un rimborso.

O a quelli che lavorano da matti, ma non vengono mai pagati e tuttavia, imprudentemente, affidandosi ai futuri compensi, si concedono persino il lusso di indebitarsi.

Alla luce di queste considerazioni è già tanto che non siano i familiari ad ammazzare l’architetto prima ancora del virus.

E che Inarcassa si ravveda e decida che l’architetto può morire pure gratis.

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis – search me on LINKEDIN

L’Architemario il libro è esaurito. Ora si cerca un nuovo editore per il secondo volume. Chi ci sta, batta un colpo a chrichristian@virgilio.it

Leggi anche: Cosa sono 15 giorni per un architetto? (la classifica delle 10 peggiori attese dell’architetto)

SFIDE: L’architetto contro i virus

CORONAVIRUS: DECALOGO PER ARCHITETTI

L’architetto (a partita iva) con l’influenza

La classifica delle peggiori 12 paure dell’architetto

(Visited 17.308 times, 12 visits today)

8 Comments IL VALORE DELLA VITA DI UN ARCHITETTO (SECONDO INARCASSA)

  1. Salvatore 18 Marzo 2020 at 11:46

    Siamo soli…
    Nessuno ci tutela, nessuno pensa ai nostri figli, alla nostra pensione…
    Ma lo stesso “nessuno” dimentica le scadenze dei contributi o l’applicazione delle sanzioni o delle more.
    Ne ho avuto prova già in caso di infortunio e di malattia!!!

    Reply
  2. guido 18 Marzo 2020 at 14:21

    … cari miei debbo segnalarvi e ricordarvi che Inarcassa è un ente di assistenza e ptevidenza al pari di INPS o altri che nella fastspecue non danno NULLA …, NON è un’assicurazione sulla vita !
    Riflettete !!!

    Reply
  3. Daniele Soverini 18 Marzo 2020 at 14:24

    Visto l’argomento … articolo impagabile !
    Bravissimo

    Reply
  4. Fulvio 18 Marzo 2020 at 15:08

    L’Inarcassa, andrebbe abolita, si eviterebbe un mucchio di spese, per
    gestire una baracca fatta di persone,
    che approfittano della loro posizione
    per ottenere incarichi professionali
    di rilievo. Non tengono conto delle
    difficoltà finanziarie che hanno gli
    iscritti. Mi fermo qui.

    Reply
  5. Ettore Troncone 18 Marzo 2020 at 15:40

    Analisi impeccabile !! Si ride per non piangere lacrime amare!!!

    Reply
  6. Gianluca Terrano 18 Marzo 2020 at 16:02

    Sono 10 anni che mi dedico con entusiasmo, diligenza e coraggio al mio lavoro di ingegnere civile. Ho cercato di creare posti migliori nel mio territorio, affrontando mille difficoltà tra burocrazia, tasse, mutui, spese ed assenza totale di aiuti. Ho sempre pagato tutte le tasse, rinunciando ad una vita libera, fatta anche di hobby e tempo libero, lavorando incessantemente 14 ore al giorno 7 giorni su 7. SEMPRE. Cosa è servito quindi pagare, pagare e pagare le tasse? Questo Governo di ignoranti ed incapaci che non hanno mai studiato, vissuto, lavorato, non potrammo mai comprendere a pieno il ruolo dell’ingegnere civile o dell’architetto nella società. Dimenticando che se l’Italia è la più bella nazione del Mondo è anche dovuto alle sue meravigliose opere create da grandi professionisti, artisti quali Ingegneri ed Architetti. Sono stanco di vedere tanto falso perbenismo e moralismo che finge di aiutare i “poveri” dimenticando che i nuovi poveri sono i professionisti iscritti agli albi. Noi ingegneri andremo avanti senza aiuti, come d’altronde facciamo da anni. Il Governo ha estinto intere categorie professionali con danni incalcolabili per la nazione intera, che di certo, al di là della situazione economica, comporterà una qualità dei luoghi sempre più povera a dispetto di ciò che accade negli altri paesi!

    Reply
  7. Tommaso 18 Marzo 2020 at 19:05

    A inarcassa interessa solo il 4% non i propri iscritti. Che pena!

    Reply
  8. Teresa 23 Marzo 2020 at 14:46

    Io ho scelto di farmi compostare…

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× 4 = 28