La mareggiata

cam02460

Piccolo poemetto dedicato agli eventi atmosferici della settimana scorsa ed in particolare a quello meteo-marino.       “Talvolta in inverno ma pure a Settembre arriva sfrontata sospinta dal vento scoprire la data non si consente neppure dal ciel e dal suo turbamento.   Spiaggisti più esperti ritiran le sedie che già l’esperienza consiglia cautele lezione banale appresa alle medie: «prestare attenzione se soffia maestrale».   Avanza arrogante e non servon le scuse ci mette un secondo a fare e disfare che quando ti impegni a spostare le cose ti... Leggi tutto →

L’AMORE ESTIVO

lettere

Piccola poesia in rima incrociata, dedicata al ricordo di un lontano amore estivo.           Ti ho vista felice su una foto in Iran raggiante in Giordania, Israele, Albania compari sul monitor della mia scrivania dove consumo il mio fasto tran tran.   A spasso tu porti il tuo dolce sorriso da face book annoto i posti che viaggi cammini nei parchi, riposi ai campeggi davanti ad un lago fai smorfie di viso.   Ricordi ? non facevam trent’anni di somma piccoli ometti o progetti di adulti... Leggi tutto →

DELLA MUNNEZZ FURBETTO

sacchetto

              Breve sonetto in rima ripetuta o replicata (già adottata dal Petrarca nel “Canzoniere”) dedicato alla pessima usanza del furbetto della munnezza, di abbandonare il suo sacchetto non differenziato, nottetempo, in incognito e fuori dal consentito stazionamento.    “Nel buio della notte si palesa il furbo che dell’educazione fa cattiva giostra stringendo in pugno suo fatal sacchetto.   Come ogni volta a perpetrar lo sgarbo al suo fetor darà la mostra e si dimostra della munnezz furbetto.   Se fosse secco non sarebbe un... Leggi tutto →

CANTO DEL LETTIN FANTASMA

lettini

          “Sulla spiaggia dal sole arroventata il segreto è scritto in aforisma e la scoperta tanto il cor spaventa.   Si palesa sulla sabbia nel marasma Come un ombra o tale ad uno spettro Nell’enigma del lettin fantasma.   Giace solo e vuoto avanti e indietro sott’un ombrello prediletto nascondiglio ciabatte finte dal sapor furbastro.   «A chi appartien tale giaciglio ?» «Dove è sparito il suo padrone ?» Intorno alle risposte c’è accapiglio.   Lo sguardo si appassiona alla questione «Ci sarà per questo posto... Leggi tutto →

BLUES DEL VACANZIERE STANCO

stanco

            “Sulla spiaggia non c’è spazio. Sul traghetto non ci salgo ed il traffico è uno strazio tutti fermi nell’ingorgo. Oh yee   Il telefono già squilla. Alla doccia c’è chi urla. Al ristorante c’è la fila non c’è posto nella sala. Oh yee yee   Mangeremo sulle scale il panino col prosciutto. Sotto un sole tropicale con la birra faccio un rutto. (assolo di chitarra elettrica)   Ma il vigile cattivo non si muove a compassione. Lui ci sfratta, io dormivo ero in piena... Leggi tutto →

ALLA SPIAGGIA DEI POVERI

spiaggia-poveri

          “Alla spiaggia dei poveri non sono ancora le nove quando Il sole si alza nell’azzurro spettrale stanno già raggiungendo centomila persone alla cerca del posto e di un pezzo di mare.   Altri lidi annoiati aspettan la mezza che il lusso all’alba non si scomoda presto rituale nobile di ogni sua altezza del lettino gigante e del comodo posto.   Dai poveri invece è già scattata la lotta arroganti abusivi sisteman lettini per frenar pendolari che arrivano in flotta han studiato il sistema per sfilargli... Leggi tutto →

I GATTI DI LIPARI

gatti

        I gatti di Lipari sono quasi un milione. Li vedi sdraiati ad ogni portone. Se provi a destarli dicendogli “ciao” i gatti di Lipari concedono un “miao”. Di sera davanti ai bidoni fan gruppo gli piace li pescato, la carne e un po’ tutto. Ma quando il sole è nel punto più alto i gatti di Lipari si trovano un posto all’ombra del fico o alla base di un muro protetti dall’afa al riparo sicuro. In pochi dei gatti sanno il mistero ma non è una... Leggi tutto →

Newer Entries »

 
Back to top