L’AMARO DESTINO

folla

Poesia in rima alternata dedicata al bagnante di Ferragosto.       “L’amaro destino del bagnante più estremo è svegliarsi al mattino con un solo pensiero che all’alba lo piglia preoccupando il neurone, gli rovina la sveglia e non c’è colazione.   Alle sette e quaranta come canta Battisti tradizione mai infranta degl’annual ferragosti.   Tal pensiero preciso al sapor di vendetta lo sospinge deciso consigliandogli fretta di uscire di casa ancora in ciabatte non per fare la spesa né per prendere il latte.   «Van sorpresi nel sonno prima... Leggi tutto →

IL “GHETTO DEI RESIDENTI”

bagni

Dopo aver visto le numerose bellezze della cittadina di Minori (costa d’Amalfi), ogni accorto turista dovrebbe dare uno sguardo anche ad una nuova, inconsueta, attrazione. Si tratta di una piccola striscia di spiaggia, della quale le guide turistiche ancora non parlano perché istituita da pochi anni, per la salvaguardia estiva della popolazione indigena che ha ancora in uso recarsi a “prendere i bagni”. E’ il “Ghetto dei residenti”, un luogo affascinante, aperto ad eventuali visitatori tutti i giorni della bella stagione, dall’alba fino al tramonto. Il “Ghetto” posizionato sull’arenile est... Leggi tutto →

LA SPIAGGIA VACANTE

la-spiaggia-vacante

Sette versi plurisillabi per raccontare l’esperienza di un mattino sulla spiaggia vacante.           “Stamane son stato alla spiaggia vacante piacevole luogo di un tempo che fu quando felici si poteva andar giù a stendere il telo del villeggiante.   Oh, quanto spazio che c’era stamane quant’atmosfera alla spiaggia vacante nessuno che voleva fittarti un natante offrirti un ombrello o sedie nostrane.   Mi son risentito d’un tratto bambino quando al vacante era normale trovare posteggio sul litorale per far comunella col concittadino.   La spiaggia goduta... Leggi tutto →

 
Back to top