CRONACHE DAL MARE

Man reading a newspaper while floating on the Dead sea, Jordan, Asia

I miei zii, zia Rita e zio Riccardo, sono stati in vacanza, al mare, sulla costa ionica. Erano molti anni che non andavano in vacanza, ma mio cugino ha insistito così tanto che alla fine li ha convinti. Ha prenotato per loro una settimana in un villaggio turistico, tutto compreso. Il giorno della partenza li ha anche accompagnati alla stazione ferroviaria per essere sicuri che partissero. Alcuni villaggi turistici rappresentano l’ultimo avamposto della civiltà, estranei da ogni contaminazione del mondo esterno. Una sorta di comunità autonome ed autosufficienti, anche dal... Leggi tutto →

SCHIUMA

schiuma

Piccola poesia in quartine con rima alternata dedicata al fenomeno della schiuma marina.         “Si chiama il liquido denso che chiaro galleggia sul mare dal nulla proviene, io penso, da qualche mistero o dal fermentare   di troppi pensieri stagnanti che mentre qualcuno riflette la schiuma lava i bagnanti, se son donne, fino alle tette   Schiuma, di rabbia l’ecologista che, cupo, non si vuole dar pace è pura illusione sostiene l’artista detersivo di fogna afferma il verace.   Il romantico frena: «state sereni son solo bolle... Leggi tutto →

IL MARE ANCORA MOZZICA

mareggiataamalfi1987

Quando ero bambino pensavo che tutti i nonni indossassero, sempre, un cappello da marinaio. Cade in questi giorni il trentesimo anniversario della più grande mareggiata che si ricordi in costa d’Amalfi, un fenomeno che durò circa tre giorni dall’11 al 13 Gennaio del 1987.  Onde alte fino a 20 metri si infransero sulle scogliere della “Torricella” tra Maiori e Minori e lungo lo “Stradone”, all’ingresso di Amalfi, con un’energia del tutto inconsueta, spingendo il mare fino oltre la strada statale, alle soglie dell’abitato, in alcuni casi anche dentro. A Minori... Leggi tutto →

Il mare aspetta

isola-di-capri

Ci sono molti modi di raccontare il mare: non tutti gli danno lo stesso valore. Chi “tene o’mare” lo sa che non si tratta di un ospite passeggero. Il mare è un familiare. Ti entra in casa, si accomoda sul tuo divano, tra i giochi dei bambini: lo trovi mentre tiri via la polvere dagli armadi e la sera, prima di dormire sei là che ci ripensi. La terra sulla nostra destra, il mare dappertutto. Il mare aspetta, il mare ha tempo. Non viene prima di niente e dopo nessuno.... Leggi tutto →

 
Back to top