L’AMARO DESTINO

follaPoesia in rima alternata dedicata al bagnante di Ferragosto.

 

 

 

“L’amaro destino

del bagnante più estremo

è svegliarsi al mattino

con un solo pensiero

che all’alba lo piglia

preoccupando il neurone,

gli rovina la sveglia

e non c’è colazione.

 

Alle sette e quaranta

come canta Battisti

tradizione mai infranta

degl’annual ferragosti.

 

Tal pensiero preciso

al sapor di vendetta

lo sospinge deciso

consigliandogli fretta

di uscire di casa

ancora in ciabatte

non per fare la spesa

né per prendere il latte.

 

«Van sorpresi nel sonno

prima della levata !»

fuoriuscendo dal gruppo   

per fregarli in volata

gli avversari più lenti

che non hanno capito

e negli spazi roventi

troveranno occupato.

 

Sì, tra spazzini curiosi

con passo di atleta

dribbla insonni nervosi

e raggiunge la mèta.

 

Arrivato il bagnante

alla spiaggia centrale

lo scenario è calmante

per l’orario bestiale.

Qui il pensiero scompare

è compiuta missione:

in prima fila sul mare

può piantar l’ombrellone”.

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis

Altre poesie spiaggiste: (clicca sul titolo per leggere):

Alla spiaggia dei poveri

L’ascetica Ustica

La spiaggia vacante

L’ultimo bagnante

Lo scarico furbo

La mareggiata

L’amore estivo

La prima pietra

Della munnezz furbetto

Canto del lettin fantasma

Blues del vacanziere stanco

La zanzara

I gatti di Lipari

 

 

 

Scrivi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 − 1 =

Tags e attributi HTML consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>