LA CASA IDEALE DELL’INFEDELE

casa-infedeleL’infedele, che sia uomo o donna, ha una casa nella quale convive con il partner ufficiale e della quale non gli interessa un granché, ed un’altra, che ha molto più a cuore, dove si vede con l’amante. Questa casa, molto più della prima, deve avere caratteristiche particolari per avvicinarsi alle condizioni ideali.

Innanzitutto la casa ideale dell’infedele non è mai di proprietà ma è sempre in affitto. A volte, per infedeli meno abbienti, è una casa in comodato, non formalizzato da contratto, neppure nel caso di comodato gratuito, quindi sarebbe più opportuno dire che si tratta di una casa in prestito. Tale casa deve trovarsi sempre in una zona della città piuttosto lontana dalla casa di residenza dell’infedele, meglio sarebbe se invece fosse molto vicina al suo luogo di lavoro, specie se questi è anche il luogo di lavoro dell’amante.

Molto utile è che la casa ideale dell’infedele abbia un cortile interno dove parcheggiare le automobili, oppure una fermata del bus nei pressi.

La casa ideale dell’infedele dovrebbe trovarsi in un piano intermedio, l’ultimo piano è sconsigliato, così come non è opportuna la presenza nello stabile di un portiere o di vecchie zitelle pettegole con l’hobby dell’investigazione privata. L’ideale sarebbe un condominio semi-sfitto. Ma la perfezione sarebbe che questa casa si trovi in un edificio a più scale per possedere un doppio ingresso/uscita, per agevolare eventuali fughe.

La disposizione degli ambienti è molto semplice: all’infedele basta una piccola cucina, una camera da letto ed un bagno, in genere pure in quest’ordine, distribuiti da un corridoio lungo quanto basta. La cucina serve solo per fare il caffè (di solito dopo) o per conservare in un mini frigo alimenti energetici, quasi sempre bevande. Il frigo serve pure per la conservazione di stimolanti che necessitano delle basse temperature. La camera da letto, ovviamente, è una stanza veramente indispensabile dell’abitazione. Sconsigliati letti in ferro battuto, cigolanti. Per rispettare la tradizione di un cliché parecchio abusato è opportuno che nella camera da letto vi sia un armadio piuttosto capiente. Ed anche un balcone, dal quale, in casi estremi ci si può avventurare sul cornicione del palazzo. In ogni caso nella casa ideale dell’amante la tapparella del balcone è sempre chiusa. Al massimo sollevata di trenta centimetri, così come quella della cucina. Quella del bagno invece, grazie al vetro sabbiato, può rimanere alzata. Il bagno è necessario almeno quanto la camera da letto e non c’è bisogno di spiegarne il motivo. Infedeli particolarmente focosi e trasgressivi, per non essere banali, utilizzano indifferentemente le camere a prescindere dalla loro naturale destinazione.

Per questo motivo non è raro che anche il corridoio risulti particolarmente utile.

La casa ideale dell’infedele – clicca sull’immagine per ingrandire.

casa-inf

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis

copertina L'Architemario x sitoStiamo preparando il secondo volume dell’Architemario. Intanto compratevi il primo; l’unico manuale al mondo dedicato alla sopravvivenza dell’architetto contemporaneo italiano. In vendita su amazon – clicca qui per acquistare, sul sito di overview editore – clicca qui, o su ibs – clicca qui

 

Scrivi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 − = 7

Tags e attributi HTML consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>