IL MESTIERE DEL MODULISTA

modulorUn mio cugino di secondo grado si è appena laureato in modulistica. Si tratta di una laurea nuova, è uno dei primi che ottiene questo titolo. Prima aveva studiato architettura per tre anni, poi ha fatto due chiacchiere con altri architetti (anche con me) e ha cambiato facoltà.

Così è successo che ha lasciato “Architettura” e si è iscritto a “Modulistica”.

Al contrario di “Architettura”, “Modulistica” è una laurea che in Italia servirà molto in futuro. Il corso di laurea non è proprio agevole, sono 30 esami, tutti scritti. Mi raccontava mio cugino che durante il biennio si impara a compilare ogni tipo di modulo, da quello più semplice (tipo per fare un bonifico) a quelli più complessi come il modello per ottenere l’allaccio del gas di città. Al termine dei primi due anni si può trascorrere un anno all’estero a fare una specie di Erasmus per studiare i moduli in lingua straniera.

Al termine dei primi tre anni si diventa modulisti junior, si può già intraprendere una propria attività ed aprire un ufficio per la compilazione dei moduli per i clienti. Ma mio cugino non si è accontentato e ha deciso di prendere la laurea specialistica. Con sacrificio ha completato il corso di studi ed ora può anche essere assunto da amministrazioni ed enti pubblici per creare egli stesso nuovi moduli. Ancora non si era laureato che già aveva ricevuto delle offerte di lavoro dalla Regione e dall’ASL. Ma ha rifiutato, vuole lavorare come consulente esterno perché si guadagna di più. E’ furbo mio cugino.

Mi sono informato, ci sono anche delle agevolazioni per iscriversi alla facoltà di “Modulistica”. Ai commercialisti, ad esempio, convalidano 4 esami, agli architetti e agli impiegati pubblici anche 8. Per questo molti architetti si butteranno sulla modulistica. Lo stato ci tiene che i cittadini siano capaci di compilare i moduli, altrimenti tutto rallenta.

Chiunque può aver bisogno di mio cugino, d’altronde lui è abilissimo: l’ho visto compilare un modello UNICO in quaranta secondi. L’anno scorso ha partecipato al campionato mondiale dei modulisti e si è piazzato terzo, ma solo a causa di un codice fiscale errato. Altrimenti avrebbe vinto. Così mi ha detto.

Pure a casa nostra abbiamo spesso bisogno di lui. L’altro giorno, ad esempio, avevamo la necessità di chiedere il rinnovo della tessera per entrare nella ZTL; si tratta di un modulo particolarmente ostico: c’è gente che si prende il giorno di ferie per compilarlo correttamente. Mio cugino è un fenomeno: lo ha terminato in quattro minuti. Mia madre gli ha dato dieci euro. Quando la signora del piano di sotto lo ha saputo gli ha fatto compilare cinque moduli che teneva poggiati sulla consolle, arretrati da mesi. Roba di pensione e buoni alle poste. Non so quanto gli abbia dato, forse anche 50 euro. Quindi, in una giornata, mio cugino, tecnicamente può compilare anche 500 moduli, per un guadagno potenziale di 5000 euro, tutti in esentasse ovviamente. In breve diventerà ricco, mi sa.

Inoltre mio cugino è bravo anche a falsificare le firme, all’esame di “Autofalsagrafia” ha preso trenta. Gli è utile quando deve presentare moduli per persone che vivono distanti. A volte si immedesima così tanto che riesce a spacciarsi fisicamente per il sottoscritto. L’altro giorno ha persino ritirato l’assegno di invalidità ad una vicina di casa.

La settimana prossima mio cugino parte per la Cina. Vuole prendersi un master in modulistica cinese. E’ il mercato che lo chiede: saremo invasi dai cinesi che in materia di moduli sono completamente analfabeti, ci vorrà qualcuno che glieli compili anche se il suo obiettivo sarebbe prima scrivere i moduli direttamente in cinese e, successivamente, esportare il modulo anche in Cina.

Secondo le previsioni, entro qualche anno, in Italia qualsiasi cosa si farà compilando un modulo, cartaceo oppure online. Nessuno sarà più chiamato a dare un giudizio di valore o scrivere una relazione esplicativa. E’ giusto così, d’altronde anche per votare si mette una croce. E non dobbiamo spiegare il perché. Pure a scuola, oramai si fa già quasi tutto con un formulario. Compresi gli esami.

In fondo si tratterà solo di annerire caselle o di barrarle. Si dice che questo accelererà di molto ogni procedura.

Così avremo tutti più tempo per guardare il Grande Fratello VIP.

FOLLOW ME ON TWITTER: @chrideiuliis

 

“L’Architemario – Volevo fare l’astronauta“ di Christian De Iuliis  è l’unico manuale al mondo per la sopravvivenza dell’architetto contemporaneo italiano.

 

copertina L'Architemario x sitoPer acquistare “L’Architemario“:  

 

dal sito Overview editore clicca qui oppure da Amazon clicca qui 

 

Scrivi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


3 × 9 =

Tags e attributi HTML consentiti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>