All’Heysel la fine della nostra innocenza sportiva

TargaHeysel

La sciarpa con i colori del cuore stretta tra le mani, la puntata di “Happy days” trasmessa dal secondo canale come ogni sera, lo zainetto per la scuola del giorno dopo, pronto sulla sedia. Le ventietrenta che non arrivavano mai. E poi il telegiornale che dice che è accaduto qualcosa di brutto, che la partita si giocherà. ma forse comincerà più tardi. Il telecronista che racconta una storia di uomini che fuggono, altri ubriachi che li inseguono, ricordo i cavalli dei poliziotti, il campo verde vuoto all’orario del calcio d’inizio.... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO AL RISTORANTE

al_ristorante-1

Anche se stabilire a cosa corrisponda oggi la normalità non è semplice, bisogna ammettere che gli architetti hanno comportamenti che non rientrano sempre nella norma. Finché restano nel recinto dei luoghi da architetto (cantieri, catasti, uffici tecnici ecc…), sembrano comportarsi in maniera del tutto consueta, ma provate ad isolare un architetto e ad inserirlo in un ambiente estraneo alla sua professione e noterete una serie di atteggiamenti singolari. Anche in luoghi del tutto comuni, come al ristorante. Ecco i dieci comportamenti anormali di un architetto al ristorante. 1)    Sceglie il... Leggi tutto →

NON SI PROCESSANO LE IDEE

no_tav_erri_de_luca_1

Ieri, con l’ingenuità di un quattordicenne, Renzi ha detto che “L’Italia torna ad essere il paese della legalità” (in merito alla legge appena varata sull’anti corruzione). Una frase temeraria e insulsa, perché se c’è una cosa che in Italia è insensibile a qualsiasi cambiamento legislativo, quella è proprio l’illegalità. Illegalità perpetrata in tutti gli ambienti, da qualsiasi soggetto privato e pubblico e, fatto ancora più grave, persino nelle aule di giustizia. Mi ha fatto specie e rabbia vedere, qualche giorno fa, un servizio al tg1 sulla prima udienza a carico... Leggi tutto →

L’ARCHITETTO ALLE FESTE

alla festa

La percentuale altissima di architetti che si incontra nella vita quotidiana non tragga in inganno: alle feste, ad esempio, è sempre più complicato incontrare architetti. La scienza si interroga su questo fenomeno, ma, per ora, brancola nel buio. Ecco ciò che sappiamo sugli architetti che frequentano feste.   Di solito, quando in una festa ci si imbatte in un architetto, è per i seguenti tre motivi. La festa l’ha organizzata lui o è a casa sua La festa si celebra in occasione dell’inaugurazione di qualcosa che ha progettato lui (un... Leggi tutto →

 
Back to top