L’ARCHITETTO AL COLLOQUIO DI LAVORO

george_grosz_005_eclisse_di_sole_1926

Ultimamente si parla molto di lavoro. Una cosa che in Italia non esiste più, di conseguenza si è estinto anche il datore di lavoro, quindi, per coerenza parleremo di donatore di lavoro. Per gli architetti prima del lavoro esiste il, complicato ma inevitabile, passaggio del colloquio di lavoro. In realtà il problema del colloquio di lavoro esiste in tutto il mondo, in Italia, però, come tutti i problemi esiste un po’ di più. Poi, per gli architetti, come tutti i problemi italiani, è più grave. Tuttavia solo pochi architetti possono... Leggi tutto →

Ruolo e complicazioni dell’Architetto-contemporaneo all’interno dello sviluppo esistenziale del condominio moderno

condominio

Le difficoltà di vita dell’Architetto contemporaneo inserito in  un ambiente condominiale moderno sono state oggetto di uno studio medico-scientifico effettuato tramite monitoramento quotidiano di 1000 pazienti-architetti, di varia estrazione sociale, razziale ed economica, con il metodo della telecamera di videosorveglianza nell’androne, testimonianze dirette, lettura e studio dei verbali di assemblea di condominio. I risultati sono stati confrontati con rapporti orali di amministratori o semplici residenti, proprietari o possessori di immobili all’interno dell’organismo edilizio di sua residenza. Il disturbo generico di coinvolgimento automatico, fisico e psicologico, a qualsiasi problematica riguardante l’edificio... Leggi tutto →

Un articolo 18 (pure) per gli architetti

20/04/2012 Roma, sciopero generale, manifestazione regionale della Cgil contro la modifica dell' articolo 18

L’altra sera ero ad una riunione di ex-giocatori di subbuteo. Non tutti sanno che io da ragazzino ero un discreto giocatore di subbuteo, ero anche iscritto a questa società: solosubbuteo1974. Il ’74 era l’anno di fondazione; in bacheca avevamo due titoli provinciali a squadre ed un regionale individuale, vinto dal nostro fuoriclasse: Mario Robetti detto “Falange armata” per la forza che riusciva ad imprimere ai suoi tiri. La società fallì nel Maggio del 1994, il giorno che Robetti si ruppe l’indice ed il medio della mano destra in una semifinale... Leggi tutto →

 
Back to top