Il Ministero della Bellezza (e/o Bruttezza)

crescent

Devo smetterla di guardare la politica in tv. L’altra notte ho sognato che eravamo a cena, io, Gasparri, Renato Mannhmeimer e il cane Dudù. Renato aveva preso le trofie al pesto perchè per il 34% degli avventori del ristorante era il piatto migliore. Gasparri mi parlava del ruolo di Keynes nella politica liberista del secondo governo Berlusconi. Intanto Dudù mi aveva pisciato sulle scarpe e ci provava con la cagnetta del tavolo accanto. Ho pagato 340 euro di conto mancia esclusa e mi sono svegliato tutto sudato. Ho deciso che non... Leggi tutto →

#architettostaisereno

architettostaisereno

Dunque, l’altra sera ero a casa, in pigiama, sul divano, quando mi squilla il cellulare. Una voce che avevo già sentito mi fa: “Ciao sono Matteo. Senti noi non ci conosciamo, però io mi sono informato, leggo le cose che scrivi, ho visto che hai delle buone idee, te sei ganzo ! Volevo chiederti di darci una mano per questa grande avventura”. Gli rispondo: “Senti Matteo, grazie della chiamata, ma veramente ora mi prendi un pò alla sprovvista, ero qui che guardavo «c’è posta per te», non possiamo riparlarne domani... Leggi tutto →

La migliore bellezza

ravello auditorium

A quattro anni di distanza dall’inaugurazione dell’Auditorium di Ravello, in costa d’Amalfi, l’immagine che mi ricordo con maggiore chiarezza di quel giorno sono gli studenti seduti sul pavimento delle stanze di villa Rufolo e villa Episcopio, giunti, anche da molto lontano ma senza l’invito, per poter assistere al dibattito sull’architettura contemporanea che si tenne quel giorno. In quel pomeriggio piovoso di Gennaio, stringendo tra le mani il mio invito, attraversai il corridoio dove questi ragazzi tenevano invece tra le mani un block-notes e la matita aspettando di guardare da uno... Leggi tutto →

 
Back to top